Top manager, Godino da Gtt a Diasorin Montù nuovo direttore generale Miroglio

Giovanni (Gianni) Godino
Senior Corporate Director HR” di Diasorin. E' il nuovo incarico assunto dal torinese Giovanni Godino, che, fino al mese passato, è stato direttore delle Risorse umane, dell'organizzazione e delle relazioni industriali di Gtt, il gruppo dei Trasporti torinesi. Classe 1961, laurea in Legge con 110 e lode sotto la Mole, dopo la maturità classica al Rosmini, Giovanni Godino, prima di entrare, nel 2008, in Gtt, aveva lavorato, con analoghe responsabilità, nel gruppo Magnetto e, prima ancora, nel gruppo Fiat, dove ha incominciato la sua carriera manageriale, appena terminati gli studi.
Diasorin conta circa 2.000 dipendenti. La capogruppo, con sede a Saluggia, è quotata in Borsa e in dicembre è stata promossa nel segmento Ftse Mib, quello al quale appartengono le 40 principali società quotate in Piazza Affari. Leader mondiale della diagnostica in vitro, Diasorin nei primi nove mesi 2018 ha fatturato 494 milioni di euro (+5,4% rispetto allo stesso periodo del 2017) e ha conseguito un utile netto di 116,8 milioni (+22%). Al 30 settembre scorso, aveva una posizione finanziaria netta positiva per 128,8 milioni.
Azionista di controllo di Diasorin è il presidente Gustavo Denegri, il cui figlio Michele, è vice presidente. Amministratore delegato e direttore generale è Carlo Rosa, secondo maggiore azionista.
Novità manageriali anche in un altro grande gruppo industriale piemontese. L'albese Miroglio, colosso del settore abbigliamento e tessuti, ha comunicato che a Mario Montù, già Cfo (responsabile finanziario) del gruppo, è stato affidato anche il ruolo di direttore generale della Miroglio Spa, con l'allargamento della sua responsabilità su più funzioni aziendali.
Mario Montù, neo direttore generale M
Mario Montù, laurea a Torino, è in Miroglio dal 2011. Precedentemente, ha lavorato anche in Ge Capital, Fiat e Skf.

Parallelamente alla nuova nomina di Mario Montù, la Miroglio ha assunto
Giorgio Bernini quale chief people & organization officer. “Il manager – riporta un comunicato stampa del gruppo albese della famiglia Miroglio – avrà il delicato compito, in collaborazione con i vertici aziendali, di definire una people strategy e disegnare un assetto organizzativo coerenti con gli ambiziosi obiettivi che il gruppo si è posto per i prossimi anni”.
Giorgio Bernini, laurea in Economia e commercio a Bergamo poi un master alla milanese Bocconi, vanta 30 anni di esperienze nell’ambito delle human resources e dell’organizzazione in aziende quali Valentino, Versace e Warnaco.
Le nuove nomine seguono l’arrivo recente di Filippo Ferrua Magliani nelle vesti di nuovo presidente di Miroglio Spa e di Giuseppe Miroglio vice presidente del gruppo.

Nessun commento: