Start up innovative, Torino a gambero crescita boom nella provincia di Cuneo

Ferruccio Dardanello, presidente
Camera di Commercio di Cuneo
“Torino come i gamberi, per la nuova imprenditoria innovativa. Alla fine del 2018, sono risultate 318 le start up innovative iscritte nello specifico registro della Camera di commercio. Una in meno rispetto a un anno prima e soltanto 17 in più rispetto alla fine del 2016. Mentre, in tutta l'Italia, negli ultimi due anni, sono passate da 6.752 a 9.765”.
La notizia è stata pubblicata dal Corriere Torino, edizione locale del Corriere della Sera, con l'aggiunta che “con la provincia di Torino è andata indietro anche quella di Asti, la quale, nel 2018, ha visto scendere da otto a sei le sue start up innovative”, status che, convenzionalmente, caratterizza le società di capitali costituite da meno di cinque anni, con fatturato annuo inferiore ai cinque milioni di euro e in possesso di determinati indicatori relativi all'innovazione tecnologica previsti dalla normativa nazionale.
E dato che nella provincia di Vercelli il numero è rimasto fermo a quattro, non sorprende che, nel 2018, sia stata limitata la crescita dell'intero Piemonte, le cui start up innovative sono salite da 465 a 494. L'incremento nei dodici mesi è stato del 6,2%, inferiore di oltre dieci punti alla media nazionale (+16,5%).
“Al contrario di Torino, Asti e Vercelli, la provincia di Cuneo ha evidenziato un'accelerazione del 26%” ha evidenziato il Corriere Torino, precisando che nel Cuneese le start up sono diventate 68, mentre erano 54 alla fine del 2017 e 36 un anno prima.
Un aumento percentuale ancora maggiore è stato fatto registrare dal Verbano-Cusio-Ossola, dove le start up innovative sono salite da quattro a nove.
Al 31 dicembre scorso, la provincia di Novara ne contava 48, otto più che alla fine del 2017, Alessandria 23, due in più e Biella 18, tre in più.
Come censito da Infocamere-Unioncamere, il Piemonte è sesto nella graduatoria delle regioni per start up innovative, preceduto da Lombardia (2.425 al 7 gennaio 2019), Lazio 1.079), Emilia-Romagna (897), Veneto (853) e Campania (753).

Nessun commento: