Ftse Mib: della Juventus il maggior rialzo nel primo di contrattazioni nel nuovo anno

Kilian Mbappé, francese del Paris Saint Germain
Vince sui campi di calcio, la Juventus; ma anche in Borsa. Oggi, 2 gennaio, primo giorno 2019 di contrattazioni a Piazza Affari, l'azione della società bianconera ha fatto registrare il maggior rialzo del paniere Fste Mib, quello che rappresenta i 40 principali titoli. Infatti, ha chiuso a 1,17 euro, il 10,17% in più rispetto al 28 dicembre. L'incremento è risultato anche il nono odierno più alto in assoluto e alcuni hanno ritenuto che sia stato conseguente alle voci che l'asso francese Kylian Mbappé del Paris Saint Germain possa affiancare Cristiano Ronaldo.
Un aumento ancora maggiore di quello della Juventus l'ha avuto, oggi, Bim Banca Intermobiliare, il cui prezzo finale è stato di 0,1826 euro, superiore dell'11,21% a 0,1642 euro dell'ultima seduta 2018. Quello della banca torinese guidata da Matteo Colafrancesco è stato il settimo maggior incremento di tutta la Borsa di Milano, il cui indice Ftse Mib ha terminato a 18.331 punti, lo 0,04% in più rispetto al valore precedente.
Le altre quotate piemontesi che hanno chiuso con segno positivo sono Autogrill (+1,63%), Basicnet (+2,71%), Buzzi Unicem (+1,06%), Diasorin (+0,71%), Fidia (+5,90%), Iren (+0,38%), Italgas (+1,32%), Pininfarina (+0,44%), Prima Industrie (+0,81%), Reply (+1,45%) e Tinexta (+3,04%).
Invece, tra le piemontesi con prezzo ribassato spicca Intesa Sanpaolo, che ha terminato le contrattazioni a 1,906 euro per azione e, perciò, con il calo dell'1,72%, il secondo peggiore dell paniere Ftse Mib. Ancora di più, comunque, hanno perso Cofide (-2,27%) e Italia Independent (-2,01%).
In rosso hanno terminato anche Astm (-0,34%), Exor e Fca (-0,91% entrambe), Guala Closures (-0,35%) e Sias (-1,24%).

Nessun commento: