NEWS DAL MONDO DELLE IMPRESE

CORRIERE TORINO: INSERTO DI ECONOMIA E NUOVE EDIZIONI
Umberto La Rocca, responsabile Corriere Torino
con Chiara Appendino, sindaco di Torin
“Economia Nord Ovest” è la testata del nuovo inserto settimanale del “Corriere Torino”, edizione locale del Corriere della Sera. Il primo numero dell'allegato, senza sovraprezzo, è in edicola domani, 3 dicembre, e lo sarà tutti i lunedì. Otto pagine dedicate a imprese e imprenditori, manager e talenti, al mondo del lavoro, alla congiuntura e non solo.
L'annuncio dell'iniziativa è stato dato giovedì scorso, in occasione della manifestazione organizzata, alla Nuvola della Lavazza, per il primo compleanno del Corriere Torino, evento al quale hanno partecipato anche il direttore del Corriere della Sera, Luciano Fontana e il vice Dario Di Vico, il presidente di Rcs Mediagroup, Urbano Cairo, naturalmente Umberto La Rocca, responsabile del quotiano torinese, Massimo Gramellini, Alberto Sinigaglia, presidente dell'Ordine dei giornalisti del Piemonte, oltre che Sergio Chiamparino, Chiara Appendino, le altre autorità e centinaia di invitati, esponenti della comunità torinese.
In seguito al notevole successo del Corriere Torino, ribadito da Luciano Fontana e Urbano Cairo, i quali hanno sottolineato anche la straordinaria accoglienza ricevuta dal nuovo giornale e la fiducia conquistata, è stata prospettata l'intenzione dell'editore di aprire altre edizioni locali in diverse parti del Piemonte, a partire dal Cuneese. 

ACEA PINEROLESE INDUSTRIALE PREMIATA DA LEGAMBIENTE
Francesco Carcioffo, ad Acea Pinerolese
Acea Pinerolese Industriale, azienda pubblica della provincia di Torino, è stata premiata da Legambiente, a Roma, per il suo impegno sul territorio a favore dello sviluppo delle Rinnovabili. A ritirnare il premio è stato Francesco Carcioffo, amministratore delegato di Acea, alla quale son o stati riconosciuti l’impegno e l’opera a favore dello sviluppo delle energie rinnovabili in Italia, trasformando i rifiuti organici di un milione di abitanti in energie rinnovabili termica ed elettrica, biometano e compost di qualità.
Al polo ecologico Acea, infatti, è possibile recuperare interamente il biogas prodotto dalla fermentazione dell’organico, attraverso un metodo naturale che, nell’ambiente chiuso di grandi silos, riproduce quanto avviene in natura. Si evita così la dispersione di gas in atmosfera come avverrebbe, invece, con sistemi di compostaggio solamente aerobici.
Il biogas viene utilizzato dai motori di cogenerazione e diventa energia rinnovabile elettrica e termica per teleriscaldare e può anche essere valorizzato a biometano per favorire una mobilità sostenibile o per l’uso domestico per riscaldare o cucinare. Il biometano viene prodotto, grazie a un impianto, che, nel 2014, è stato il primo in Italia ed è attualmente in corso di potenziamento.
Inoltre, il fango ottenuto al termine della fermentazione nei silos viene miscelato agli sfalci di potatura e matura per tre mesi, diventando compost di qualità comprato da floricoltori e orticoltori piemontesi, liguri e lombardi.

GANCIA: 28 MILIONI DI BOTTIGLIE E RITORNO ALL'UTILE
Negli ultimi quattro ann,i la produzione della casa spumantiera Gancia è cresciuta del 46%, superando i 28 milioni di bottiglie e favorendo un ritorno all'utile (4, 365 milioni di euro a fronte della perita di oltre 13 milioni di cinque anni prima). Per migliorare le vendite, per il 55% rappresentate dall'export, la Gancia, passata sette anni fa al gruppo russo Roust, per le feste di fine anno ha arricchito la gamma di due nuovi prodotti, il Brut Riserva 2006 e il Pas Dosè.
In omaggio alla bellezza italiana, Gancia ha creato una nuova brand identity, che avvolge le bottiglie di spumante di Metodo Classico con una capsula di alluminio colorato e cangiante, "che ricorda le feste e l'allegria, ma anche la cura con cui, fin dal 1865, i maestri cantinieri di Casa Gancia proteggevano le bottiglie per non danneggiarle durante il trasporto sui pendii intorno a Canelli (Asti), sede dell'azienda".
Il progetto di fusione è stato presentato a Genova da Sandro Biasotti e Marco Utili in una conferenza stampa a cui hanno partecipato il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino e il sindaco di Genova Marco Bucci. Presenti anche il presidente di Confindustria ,Vincenzo Boccia e il presidente di Banca Carige, Pietro Modiano.



UN'ALTRA INNOVAZIONE DI NOVA COOP A TORINO
Ernesto Dalle Rive, presidente
Nova Coop
Ha appena aperto a Torino, in via Botticelli 85, in quella che era stata la filiale cittadina dell'Alfa Romeo, dismessa da 31 anni, il nuovo superstore di Nova Coop. Il superstore, aperto tutti i giorni dalle 8 alle 21 e la domenica dalle 9 alle 20, ha 214 dipendenti, il 70% nuovi assunti. Vanta dispositivi digitali come Zero Attesa, mediante il quale il cliente può selezionare i prodotti e le quantità desiderate, prenotarli e ritirarli quando viene avvisato da un messaggio senza attendere il proprio turno al banco. E' dotato di un ristorante con 50 posti e un corner sushi. Occupa circa 8.500 mq di superficie su un unico piano, di cui circa 3.500 destinati alle vendite Coop e ha 640 posti auto.
L'edificio commerciale ospita al proprio interno anche un punto vendita Trony di 900 mq e costituisce il cuore di un parco commerciale, che sarà completato entro il 2019. "È un modello di negozio inedito in Piemonte e conferma il nostro radicamento al territorio", ha sottolineato Ernesto Dalle Rive, il presidente di Nova Coop.

ALLEANZA LIGURE PIEMONTESE NELL'AUTO PREMIUM
Dall'alleanza ligure-piemontese tra le aziende delle famiglie Biasotti e Utili è nato uno dei più grandi gruppi a livello nazionale dei concessionari 'premium' del settore automotive”: lo ha riferito l'Ansa, aggiungendo che il nuovo gruppo dichiara un fatturato di oltre 400 milioni di euro e circa 500 addetti, indotto compreso, tra Piemonte e Liguria. L'Ansa ha anche scritto che “Marco Utili è entrato nel capitale della società di Biasotti, il quale si è tenuto il 60% ma gli affiderà la gestione in qualità di amministratore delegato, con l'obiettivo di fondersi fra tre anni”.
Posta un commento