Equiter investe tre milioni del Fondo Rif puntando su un'azienda di stampanti 3D

Carla Ferrari, presidente di Equiter
La torinese Equiter, investitore e advisor nel settore delle infrastrutture e dell’innovazione a sostegno delle economie locali (azionisti sono Compagnia di San Paolo, Fondazione Crt, Fondazione Crc di Cuneo e Intesa Sanpaolo) ha realizzato il primo investimento del Fondo Rif, dedicato alla ricerca e all’innovazione nelle regioni del Mezzogiorno, nell'ambito del Programma operativo nazionale (Pon) Ricerca e Innovazione 2014-2020.
Il Fondo Rif ha investito, sotto forma di equity e quasi equity, tre milioni di euro nella Roboze, azienda di Bari che opera nel settore delle stampanti 3D con la tecnologia del Fused Deposition Modelling. Il progetto di Roboze è stato valutato e approvato da Equiter, selezionata nel dicembre 2017 dalla Banca Europea per gli Investimenti (Bei) per la gestione di 124 milioni di euro destinati dal Miur (ministero dell'istruzione, università e ricerca) all’azione II.3 “Progetti di ricerca su tecnologie abilitanti”.
Carla Ferrari, presidente di Equiter, ha sottolioneato che “oltre all’investimento in Roboze, nei primi otto mesi di operatività del Fondo Rif, il team di Equiter ha vagliato circa 100 progetti di ricerca e innovazione presentati da potenziali beneficiari che operano sia nel Sud che nel resto d’Italia. È la conferma che lo strumento del Fondo è particolarmente efficace per offrire sostegno finanziario ai progetti innovativi”.
“Considerato il forte interesse che il Fondo sta riscontrando sul mercato a livello nazionale – ha aggiunto Carla Ferrari - si presenta l’opportunità di allargare l’ambito di intervento anche nelle regioni complementari a quelle oggetto del Pon attraverso la raccolta di ulteriori risorse presso investitori istituzionali interessati allo sviluppo della ricerca e dell’innovazione.”
Il fondatore di Roboze, Alessio Lorusso - 28enne inserito da Forbes nella lista "30 under 30 Europe Industry" dei giovani imprenditori più innovativi d'Europa e premiato quest’anno Imprenditore dell’anno Ernst & Young nella categoria Startup, ha sottolineato: “con l’intervento del fondo Rif svilupperemo la nuova linea di stampanti , che permetterà la stampa di materiali ad alta temperatura a matrice termoplastica rinforzata con fibra di carbonio (e non solo), che potranno essere utilizzate per la realizzazione di componenti strutturali in applicazioni a estreme performance meccaniche e termiche come Aerospazio, Difesa e Motorsport. L’obiettivo di Roboze è diventare market leader nel settore stampa 3D “.
Equiter seleziona, struttura, realizza e gestisce investimenti in capitale di rischio finalizzati allo sviluppo socio-economico dei territori in cui opera. Svolge attività di investimento diretto e indiretto in infrastrutture, in progetti di rigenerazione urbana, di ricerca e innovazione e attività di consulenza per la gestione di fondi chiusi di investimento, di fondi comunitari e per la promozione di progetti di rigenerazione territoriale. A fine 2017 il patrimonio gestito supera gli 800 milioni di euro tra risorse gestite direttamente e fondi di terzi per i quali Equiter svolge il ruolo di consulente.

Nessun commento: