Perché le Fondazioni di Biella e di Vercelli cedono le quote Biverbanca a Banca d'Asti

Banca di Asti, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella e Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli, ieri, 29 novembre, hanno sottoscritto un accordo quadro avente relativo all’acquisizione delle residue azioni Biverbanca detenute dalle due Fondazioni da parte di Banca di Asti, così che la stessa raggiungerà il 100% del capitale di Biverbanca, mediante conferimento in natura e relativo aumento di capitale di Banca di Asti riservato alle due Fondazioni.
L’operazione è volta ad un potenziamento dell’assetto del Gruppo Cassa di Risparmio di Asti, grazie alla generazione di importanti sinergie di carattere industriale e a una più ottimale allocazione del capital” è stato spiegato, con l'aggiunta che “l’Operazione porterà anche a un prezioso rafforzamento della governance, con l’ingresso nella compagine azionaria di investitori di lungo periodo e con una forte attenzione allo sviluppo economico – sociale dei territori di riferimento del Gruppo”.
Per Fondazione Cr Biella e Fondazione Cr Vercelli, l’operazione è volta, da un punto di vista finanziario, alla valorizzazione della partecipazione residua detenuta nella conferitaria e da un punto di vista industriale, a contribuire allo sviluppo del Gruppo, nonché al sostegno e alla valorizzazione delle proprie comunità di riferimento. Fra l'altro, il marchio Biver Banca resterà anche nel caso di sua fusione in Banca di Asti.
I presidenti delle Fondazioni di Asti, Biella e Vercelli, socie di Banca di Asti e Biverbanca, hanno espresso “grande soddisfazione per il buon esito dell’operazione, che mette al centro la comune, forte attenzione e il peculiare interesse delle Fondazioni a porre in essere strategie e attività di promozione dello sviluppo dei territori di riferimento e di conservazione degli scopi ideali dei fondatori”.
L’operazione prevede il conferimento di tutte le azioni Biverbanca detenute da Fondazione Cr Biella e Fondazione Cr Vercelli – pari complessivamente al 39,58% del capitale sociale – a Banca di Asti, con conseguente emissione, da parte di Banca di Asti, in favore della Fondazione Cr Biella e della Fondazione Ce Vercelli di azioni Banca di Asti, rivenienti da un apposito aumento di capitale loro riservato, pari complessivamente a circa il 15,28% del capitale sociale di Banca di Asti post aumento di capitale riservato.
Le parti hanno fissato i termini economici del conferimento determinando in 11,60 euro il prezzo di emissione delle azioni Banca di Asti e in 125 milioni la valutazione convenzionale delle partecipazioni Biverbanca oggetto di conferimento.
In vista dell’ingresso della Fondazione Cr Biella e della Fondazione Cr Vercelli nella compagine azionaria di Banca di Asti, è inoltre prevista la sottoscrizione di accordi parasociali da parte delle tre Fondazioni volti a consentire a Fondazione Cr Biella e Fondazione Cr Vercelli di nominare loro rappresentanti negli organi sociali della Banca, già nell’ambito del rinnovo delle cariche previsto contestualmente all’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2018 e in particolare due amministratori (tra cui il vice presidente) da parte di Fondazione Cr Biella e un amministratore da parte di Fondazione Cr Vercelli.
Nell’ambito degli accordi, è previsto che Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli incrementi la propria partecipazione in Banca di Asti mediante l’acquisto di azioni pari al 1,20% da Fondazione Cr Asti, contestualmente al closing del conferimento e allo 0,15% tendenzialmente sul mercato.
E' stato precisato che la Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, socio di controllo relativo di Banca di Asti, ha comunicato la propria condivisione dell’operazione e assunto impegni relativi alla sottoscrizione degli accordi parasociali con la Fondazione Cr Biella e la Fondazione Cr Vercelli.
Banca di Asti è stata assistita da Banca IMI per gli aspetti finanziari e da Pedersoli Studio Legale per gli aspetti legali. Fondazione Biella e Fondazione Vercelli sono state assistite da Prometeia per gli aspetti finanziari. Per gli aspetti legali, Tosetto, Weigmann e Associati ha assistito Fondazione Cr Biella, i professori Paolo Montalenti e Oreste Cagnasso hanno assistito Fondazione Cr Vercelli. Fondazione Cr Asti è stata assistita da PWC per gli aspetti finanziari.
Posta un commento