Orso all'attacco: Damiani e M&C ai minimi ma Cover50 e Ki Group chiudono in rialzo

Pierangelo e Alberto Edoardo Fassino, al vertice di Cover50
Orso all'attacco, in Piazza Affari, oggi, 12 novembre. L'indice Ftse Mib, che rappresenta le 40 principali società trattate alla Borsa di Milano, ha perso l'1,05%. Ma ben di più hanno perso diverse quotate piemontesi, due delle quali – la Damiani di Valenza Po e la torinese M&C – hanno registrato il loro nuovo minino degli ultimi cinque anni almeno. Infatti, l'azione della M&C, finanziaria controllata da Carlo De Benedetti, è scesa a 0,052 euro, essendo scesa del 4,41% rispetto a venerdì scorso e l'ultimo prezzo della Damiani, che fa capo all'omonima famiglia, è stato di 0,842 euro (-0,94%).
Però, la piemontese che ha subito il maggior ribasso nella seduta odierna è stata la Juventus, nonostante il nuovo successo sportivo e il record di ieri. Il titolo della Juve è calato del 5,16%, quindi di più anche di quelli di Rcs Mediagroup (-4,72%) e della Cofide (-4,35%).
Più del tre per cento, comunque, hanno perso anche Bim (-3,79%), Buzzi Unicem (-3,38%) e Sogefi (-3,41%). E oltre il due per cento anche Cairo Communication (-2,09%), Ferrari (-2,63%), Intesa Sanpaolo (-2,26%), Italgas (-2,33%), Reply (-2,04%) e Sias (-2,58%).
Cali superiori a quello dell'indice Ftse Mib sono stati registrati pure da Astm (-1,38%), Bporgosesia (-1,72%), Centrale del Latte d'Italia (-1,82%), Cnh Industrial (-1,43%), Diasorin (-1,38%), Exor (-1,56%), Italia Independent (-1,36%), Prima Industrie (-1,5%) e Visibilia Editore (-1.94%).
Invece, un paio di piemontesi sono andate controcorrente e hanno cavalcato il Toro. Si tratta di Cover50 controllata e guidata dai torinesi Fassino (Pierangelo è presidente e amministratore delegato, carica quest'ultima che condivide con il figlio Alberto Edoardo) e della Ki Group presieduta dalla cuneese Daniela Santanchè. Cover50 ha avuto un rialzo del 2,92% e dell'1,63% la Ki Group.

Nessun commento: