Fondazioni, Polo culturale di Biella Piazzo tra le buone pratiche per il progetto Finch

C’è anche il Polo Culturale di Biella Piazzo, che “unisce” Palazzo Gromo Losa, Palazzo Ferrero e Palazzo La Marmora, tra le “buone pratiche” individuate dalla Regione Piemonte nell’ambito del progetto Finch, cofinanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale Europeo. Il progetto, che vede nel partenariato autorità regionali provenienti da Germania, Spagna, Grecia, Romania, Polonia e Finlandia, oltre al Dipartimento di Management dell’Università di Torino, mira a introdurre strumenti finanziari e partenariati pubblico-privato nelle politiche di conservazione, valorizzazione e gestione del patrimonio culturale, attraverso un processo di apprendimento basato sullo scambio di buone pratiche ed esperienze.
Il progetto Finch aiuterà le regioni partner a migliorare le loro politiche in questo campo, sostenendo l’implementazione di strumenti finanziari leggeri destinati agli enti pubblici e ai soggetti privati, e il loro coinvolgimento nella fase di gestione e valorizzazione dei beni culturali appartenenti al patrimonio pubblico attraverso partenariati pubblico-privati, consentendo così di sperimentare nuovi modelli più sostenibili di valorizzazione del patrimonio culturale.
Finch è co-finanziato dall’Unione Europea, attraverso il Programma Interreg Europe, con 1,250 milioni di euro, coordinato dalla Direzione Risorse Finanziarie e Patrimonio della Regione Piemonte.
Un ruolo centrale, per raggiungere gli obiettivi del processo di apprendimento e di cambiamento generato dal progetto Finch, lo ha la costituzione di uno stakeholder group, i cui partecipanti apportano le loro conoscenze, esperienze e competenze al processo di apprendimento regionale e interregionale. Lo stakeholder group è costituito da Istituzioni che non sono direttamente partner nel progetto, ma che sono importanti per avviare un percorso partecipativo nella definizione e nello sviluppo di nuove soluzioni, pratiche o strumenti nella politica regionale, attraverso un momento di condivisione, dialogo e confronto. Tra queste Istituzioni è stata individuata la Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, che ha presentato la “buona pratica” di territorio del nuovo Polo Culturale di Biella Piazzo, esito di un’opera decennale di recupero e valorizzazione di tre prestigiosi palazzi storici da parte dei rispettivi proprietari: la Fondazione stessa per Palazzo Gromo Losa, la famiglia proprietaria per Palazzo La Marmora e la Città di Biella prima e l’Ats “Palazzo Ferrero Miscele Culturali” per Palazzo Ferrero.
Il rilancio culturale del Piazzo è un progetto ancora in pieno sviluppo, grazie alla collaborazione della Città di Biella (es. ammodernamento della storica Funicolare e riqualifica del parcheggio del Piazzo grazie al progetto Bau – Biella Arte Urbana, dell’Associazione Stile Libero, in collaborazione con BI-BOx Art-Space) in un dialogo costante con Biella Piano, in particolare con il Museo del Territorio Biellese.
Altre best practices sono state presentate da parte di Fondazione Crt, Compagnia di San Paolo e Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino
Posta un commento