Medioanca: "Reply regina di Piazza Affari" Diasorin quinta per rendimento assoluto

Tatiana e Filippo Rizzante
Regina della Borsa italiana. A incoronare la torinese Reply è stato l'Ufficio studi di Mediobanca, che ha posto la società dei Rizzante al primo posto nella classifica delle migliori azioni ordinarie per rendimenti total return (rendimento dell'investimento, tenendo conto anche dei dividendi). Mediobanca ha calcolato che i 100 euro investiti in Reply a dicembre 207 sono diventati 1.285 euro nel settembre 2018).
Così, Reply ha fatto meglio anche di De Longhi, Ima, La Doria e Diasorin, altra piemontese, quinta assoluta per rendimento (i 100 euro sono diventati 804).
Reply è una società specializzata in consulenza, system integration e digital services, dedicata all’ideazione, progettazione e implementazione di soluzioni basate sui nuovi canali di comunicazione e i media digitali. Affianca i principali gruppi industriali nella definizione e nello sviluppo di modelli di business abilitati dai nuovi paradigmi tecnologici e di comunicazione, quali big data, cloud computing, digital communication e internet degli Oggetti, per ottimizzare e integrare processi, applicazioni e dispositivi.
Attiva in Europa e con sedi anche in Germania e Regno Unito, nel 2017 Reply ha fatturato oltre 884 milioni a fronte dei 5,9 milioni del suo primo esercizio, nel 1997. All’incremento dei ricavi si è accompagnato quello dell’organico: i dipendenti da 83 del 1997 sono diventati 6.456 al 31 dicembre scorso e 7.251 al 30 giugno scorso, quasi mille in più rispetto a un anno prima.
Nel primo semestre di quest'anno, il gruppo Reply ha fatturato 498,054 milioni e ha conseguito un utile netto di 45,941 milioni. Della Reply, che ha fondato, Mario Rizzante è presidente e amministratore delegato, incarico quest'ultimo condiviso con la figlia Tatiana, il cui fratello, Filippo è consigliere di amministrazione, oltre che responsabile operativo di un importante funzione aziendale.
Al 26 ottobre, Replay era valutata in Borsa 1,763 miliardi.
Alla stessa data, ammontava invece a 4,432 miliardi la capitalizzazione borsistica della Diasorin, multinazionale di Saluggia (Vercelli), leader mondiale della diagnostica in vitro, in particolare nei segmenti dell'immunodiagnostica e della diagnostica molecolare. Il gruppo, formato da una trentina di società e cinque succursali estere, opera in tutto il mondo e da oltre 40 anni. Alla fine di giugno contava poco meno di 2.000 dipendenti.
Nel primo semestre 2018, il gruppo Diasorin ha avuto ricavi netti per 331,178 milioni e un utile netto di 80,857. Nel periodo ha fatto investimenti per quasi 23 milioni. E' controllato e presieduto da Gustavo Denegri. Secondo maggiore azionista e amministratore delegato è Carlo Rosa.

Nessun commento: