Mercato auto, gran frenata nel Nord Ovest In maggio a Torino vendite giù del 40,4%

Fiat Panda, il modello più venduto in Italia
La grande frenata delle vendite in Piemonte, in particolare nella provincia di Torino, ha mandato in rosso profondo il bilancio del mercato automobilistico di maggio relativo all'intero Nord Ovest. Infatti, le nuove immatricolazioni registrate il mese scorso nelle tre regioni sono state 27.522, il 24,2% in meno rispetto alle 36.331 del maggio 2017. Il calo percentuale del Nord Ovest è superiore di 21,4 punti alla media nazionale (in tutta l'Italia gli acquisti di auto nuove sono stati 199.113, il 2,78% in meno rispetto ai 204.807 del maggio precedente).
Causa principale della forte contrazione del mercato automobilistico del Nord Ovest nel mese scorso è il Piemonte, ma anche la Valle d'Aosta ha contribuito in misura rilevante, dato che ha fatto registrare 5.234 nuove immatricolazioni, il 10,27% meno che nel maggio 2017, quando ne erano state contate 5.834. Inferiore, invece, è risultata la diminuzione delle vendite di vetture nuove in Liguria, dove sono calate da 3.538 a 3.361(- 5%).
In particolare, a Torino e nel resto della sua provincia, le nuove immatricolazioni sono diminuite del 40,4% rispetto allo stesso mese 2017, risultando così 12.445. Così tutto il Piemonte ha chiuso il mese a quota 18.927, che rappresenta una perdita di oltre 8.000 unità e del 29,8%.
Alcune province piemontesi, però, hanno evidenziato una controtendenza, facendo registrare crescite delle consegne di targhe nuove. E' successo nelle province di Asti (588 le nuove immatricolazioni nel mese scorso, contro le 535 del maggio precedente), Biella (588 contro 575), Cuneo (1.937 invece di 1.690), Novara (1.184 invece di 1.058) e Vercelli (520 contro le 467).
Il confronto con maggio 2017 è risultato negativo, oltre che per Torino, per le province di Alessandria, dove le immatricolazioni sono calate da 1.272 a 1.262 e per il Verbano-Cusio-Ossola, dove sono scese da 487 a 430.
Tornando al Torinese, dove l'andamento del gruppo Fca-Fiat Chrysler Automobiles influenza il mercato locale molto più che altrove, la disaggregazione delle nuove immatricolazioni mostra che i cinque marchi dell'impresa guidata da Sergio Marchione hanno venduto, complessivamente, 6.200 vetture, 10.077 meno che nel maggio 2017 (-62%). In particolare, nel mese appena passato, le Fiat comprate sono state 5.702, a fronte delle 13.432 di maggio 2017, le Jeep 832 (686), le Alfa Romeo 692 (1.072), le Lancia 631 (1.079) e le Maserati 7, una in meno (dal computo è esclusa la Ferrari).
La Casa stranierè con più acquirenti nel Torinese, in maggio, è risultata Volkswagen, che ne ha contati 605 (467 nello stesso mese 2017), precedendo così Ford, scesa a 426 da 634, Renault 396 (399), come Toyota-Lexus, che ne aveva avuto 401. Per numero di nuove immatricolazioni nel maggio 2018, in provincia di Torino, seguono, nell'ordine: Peugeot con 358 (326), Opel con 251 (254), Hyundai con 220 (241) e Citroen con 210 (185).
Liguria. Nella provincia di Genova, sono state iscritte al Pra (Pubblico registro automobilistico) 1.805 vetture nuove (1.850 nel maggio 2017), nella provincia di Imperia 355 (407), in quella di La Spezia 558 (583) e nella provincia di Savona 643 (698).

Nessun commento: