Un tris d'assi tutto rosa


PATRIZIA LOMBARDI E LA SQUADRA ROSA DEL “POLI” DI SARACCO
La squadra costituita da Guido Saracco, neo rettore del Politecnico di Torino, per la guida del prestigioso e affermato ateneo subalpino nei prossimi sei anni, evidenzia una forte componente rosa, che inizia con Patrizia Lombardi, nominata Prorettrice, cioè principale collaboratrice del Megnifico. Le altre donne del team Saracco sono i vice rettori Francesca Verga (per l'internazionalizzazione), Claudia De Giorgi (qualità, welfare e pari opportunità) e Giuliana Mattiazzo (trasferimento tecnologico) e le delegate, figure equiparabili per funzioni e importanza ai vice rettori, Carla Chiasserini (accompagnamento al lavoro), Laura Montanaro (valutazioni strategiche) e Anita Tabacco (semplificazione).
Patrizia Lombardi, già direttore del Dipartimento interateneo di Scienze, progetto e politiche del territorio, origini alessandrine, sposata, si è laureata in Architettura proprio al “Poli”, nel 1988. Poi ha conseguito il master Corep ed è stata allo Iuav di Venezia, prima di andare a perfezionarsi all'università di Salford. E' professore ordinario dal gennaio 2011, dopo avere fatto l'associata per cinque anni. Nel suo ampio curriculum figurano anche la partecipazione al comitato scientifico del Csi, al comitato amministrativo di Siti, al comitato territoriale di Iren, a comitati editoriali di diverse testate specializzate e la direzione scientifica al master dell'Unesco “Management of Cultural projects and World heritage” all'Itc-Ilo.

Patrizia Lombardi

PATRIZIA SANDRETTO RE REBAUDENGO PORTA LA SUA COLLEZIONE IN CINA
Nuova affermazione internazionale di Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, fondatrice e presidente dell'omonima fondazione torinese, da oltre vent'anni impegnata a favore dell'arte e della cultura contemporanee (tra le prime fondazioni private aperte in Italia, è anche un osservatorio sulle tendenze e i linguaggi artisti attuali e sostiene i giovani artisti, italiani e stranieri, anche con la committenza e la produzione di nuove opere).
La Collezione Sandretto Re Renaudengo sarà esposta per la prima volta in Cina, al Rockbund Art Museum di Shanghai, dal 24 marzo al 27 maggio. La mostra è conseguente alla collaborazione con il museo cinese che, a sua volta, a giugno, presenterà a Torino una rassegna con diversi artisti asiatici e opere legate alle rispettive culture regionali.
Patrizia Sandretto, torinese, sposata con Agostino Re Rebaudengo, si è laureata in Economia e commercio sotto la Mole è si è avvicinata all'arte contemporanea, come collezionista, agli inizi degli anni 90. La sua passione si è trasformata in un'attività organizzativa che l'ha portata, nel 1995, a dare vita alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, la cui prima sede è stata inaugurata a Guarene nel 1997 e la seconda, nel 2002, nel capoluogo piemontese.
La Fondazione Sandretto Re Rebaudengo è un riconosciuto centro internazionale di studio, sperimentazione e confronto fra artisti, critici, curatori e collezionisti di tutto il mondo. Del suo consiglio di amministrazione fanno parte il padre e la madre di Patrizia Sandretto (Dino ed Emila), i il marito Agostino Re Rabudengo, i figli Emilio ed Eugenio, oltre che Andrea Ganelli, Giovanni Laegeard, Giuseppe Pichetto, Marco Testa e Marco Weigmann.
Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, “regina” italiana dell'arte contemporanea, fa anche parte della commissione cultura di Confindustria ed è presidente della Fondazione Ieo-Ccm (Istituto europeo di oncologia – Centro cardiologico Monzino), che supporta i due istituti milanesi di eccellenza mondiale organizzando raccolte di fondi a loro favore.

Patrizia Sandretto Re Rebaudengo

FEDERICA BIELLER ALLA GUIDA DELLE FUNIVIE DEL MONTE BIANCO
Originaria di Pré-Saint Didiér, 35 anni, maestra di sci, direttore marketing e comunicazione di Qc, società che gestisce nove centri termali e di benessere, compreso quello del paese dove è nata e del quale è direttore generale, più quattro hotel di lusso, Federica Bieller è il nuovo presidente delle Funivie Monte Bianco, la società dello Skyway, l'avveniristica e straordinaria funivia che ha già avuto più di 700.000 clienti.
Federica Bieller ha preso il timone di una impresa che ha chiuso l'esercizio 2006-2017 con un utile netto di 2,6 milioni, destinato interamente a riserva. Del nuovo consiglio di amministrazione delle Funivie Monte Bianco fanno parte anche Albert Tamietto, Paola Lavinia Maganzini e i confermati Mauro Joyeusaz e Ferruccio Gilberti.

Federica Bieller

Nessun commento: