Nel 2017 persi altri 25.000 abitanti

Altri 25.000 in meno. Nel 2017, le tre regioni del Nord Ovest hanno subito un ulteriore calo della popolazione. Il primo giorno di gennaio, i residenti sono risultati 6.059.700, lo 0,41 per mille in meno rispetto a dodici mesi prima, quando erano 6.084.700. Dati dell'Istat, l'istituto nazionale di statistica, che, all'inizio di quest'anno, ha censito 4.375.600 residenti in Piemonte, 1.557.800 in Liguria e 126.300 in Valle d'Aosta.
Proporzionalmente, a perdere più popolazione è stata la Liguria, “dimagrita” dello 0,48 per mille, tasso equivalente a 7.500 residenti. Inferiore di pochissimo è risultato il calo percentuale della Valle d'Aosta, che ha censito 600 abitanti in meno (-0,47 per mille) Invece, la popolazione del Piemonte è diminuita dello 0,38 per mille, corrispondente a 16.900 residenti.
Il calo del Nord Ovest, comunque, è risultato relativamente minore della media nazionale che è stata dell'1,6 per mille, pari a quasi 95.000 residenti, diventati così 60.494.800.
Non tutte le regioni, però, hanno perso popolazione: la Lombardia l'ha aumentata del 2,1 per mille (al primo giorno di gennaio2018 contava 10.039.900 residenti), l'Emilia-Romagna dello 0,8 per mille (4.452.200) e il Lazio dello 0,4 per mille (5.900.800); la provincia autonoma di Bolzano addirittura del 7 per mille (528.000).
Invece, altre regioni hanno evidenziato cali ben superiori alla media nazionale: fra queste, il Molise (6,6 per mille), la Campania (2,1 per mille) il Veneto (0,8 per mille) e la Toscana (0,5 per mille).
Il Piemonte si trova al settimo posto nella graduatoria delle regioni più popolose, la Liguria al dodicesimo e la Valle d'Aosta all'ultimo. In testa, dopo la Lombardia, figurano il Lazio e la Campania (5.826.700 residenti). Completano la top ten la Sicilia (5.027.700), il Veneto (4.903.500), l'Emilia-Romagna, la Puglia (4.049.300) e la Calabria (1.957.100).
L'anno scorso, in Italia, si sono registrate 464.000 nascite (-2% rispetto al 2016 e nuovo minimo storico) e 647.000 decessi, 31.000 in più.
Gli stranieri residenti nel nostro Paese sono risultati 5.065.000, pari all'8,4% della popolazione. Circa 224.000 stranieri hanno acquisito la cittadinanza italiana nell'anno passato, quando gli immigrati sono stati 337.000 (+12% rispetto al 2016), mentre gli emigrati sono stati 153.000 (-2,6%). Delle persone che hanno lasciato la Penisola 40.000 erano di origine straniera e 112.000 cittadini italiani.

Giovanni Toti, presidente Regione Liguria


Posta un commento