Aeroporti: Torino vola, Genova si prepara

Meno male che i programmi sono ambiziosi, per l'aeroporto di Genova, il “Cristoforo Colombo”; perché i consuntivi, invece, sono tutt'altro che rosei. Dall'ultima rilevazione di Assaeroporti, l'associazione italiana dei gestori degli scali, infatti, è emerso che in ottobre, ultimo mese censito, l'aeroporto di Genova ha avuto 111.098 passeggeri (-4,9% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso) e 1.084.109 dall'inizio di gennaio (-1,3% rispetto ai primi dieci mesi 2016). Nonostante l'aumento dei voli, che sono stati 1.638 in ottobre (+6,6%) e 16.559 dal primo giorno del 2017 (+0,8%).
Però, Paolo Odone, nuovo presidente dello scalo all'ombra della Lanterna dopo esserlo stato, per tanto tempo, della Camera di commercio di Genova, azionista rilevante della locale società aeroportuale, ha previsto che il 2017 si chiuderà con 1.260.000 passeggeri e con più di 1.570.000 nel 2018. Aspettative riferite nel corso della conferenza stampa, nella sede della Regione Liguria, presente anche il governatore Giovanni Toti.
Durante l'incontro con i giornalisti, fra l'altro, è stato riferito che il “Cristoforo Colombo” passerà presto da 25 a 40 destinazioni dirette e saliranno a 14 le compagnie aeree operanti a Genova. Non solo: grazie ai collegamenti con gli hub di Roma, Londra, Francoforte, Amsterdam, Parigi, Monaco, Mosca, Copenaghen, Atene, Barcellona, ogni giorno, partendo da Genova, sarà possibile, con un solo scalo, raggiungere oltre 600 destinazioni nel mondo, 200 in più delle attuali.
Al contrario, l'aeroporto di Torino, il “Sandro Pertini”, continua a salire di quota, aumentando progressivamente voli e passeggeri. In ottobre, il “Sandro Pertini” ha registrato 4.207 voli (+3,9%) e 347.841 passeggeri (+5,9%); mentre, dall'inizio dell'anno ha avuto 40.700 voli (+4,2%) e 3.578.399 passeggeri (+7%).
Tra l'altro, la crescita dell'aeroporto di Torino, che, per la precisione, si trova a Caselle, è risultata superiore alla media nazionale. Nei primi dieci mesi di quest'anno, infatti, l'Italia ha contato 1.339.286 voli (+3,3%) e un totale di 151.656.141 passeggeri (+6,7%).
A gestire l'aeroporto di Torino è la Sagat, società presieduta da Giuseppe Donato, guidata da Roberto Barbieri e controllata dal gruppo Cdp (Cassa Depositi e Prestiti).

Infine, il terzo scalo del Nord Ovest. L'aeroporto di Cuneo-Levaldigi resta a terra: ancora negativi i numeri di passeggeri, nonostante il maggior numero di voli, che sono stati 513 in ottobre (+33,9% rispetto allo stesso mese 2016) e 4.124 dall'inizio dell'anno (+0,9%). Infatti, i passeggeri sono stati 9.917 in ottobre (-17,3%) e 105.967 nei primi dieci mesi di quest'anno (-12,9%).

Giuseppe Donato, aeroporto di Torino

Paolo Odone, aeroporto di Genova

Nessun commento: